Il finanziatore è la persona che fornisce i capitali necessari allo svolgimento dell’attività d’impresa. Egli può
acquistare, durevolmente o temporaneamente la proprietà totale o parziale dell’impresa e di conseguenza partecipare al risultato della gestione; diventa proprietario se l’impresa è individuale, socio se invece è collettiva. Il proprietario o i suoi possono apportare al momento della costituzione dell’impresa i beni in natura oppure denaro liquido. Il finanziamento del proprietario o dei soci prende il nome di capitale proprio (o di apporto);
concedere temporaneamente il capitale in prestito per periodi più o meno lunghi ricevendo come compenso un interesse; in tal caso il finanziatore diventa creditore dell’impresa e il suo finanziamento viene denominato capitale di debito.

I finanziamenti di capitale di debito danno origine a entrate monetarie e quando sono rimborsati si hanno delle uscite monetarie.