Si chiameranno “Credits”, e consentiranno l’acquisto di una vasta serie di beni (virtuali, si intende) inerenti il mondo di Facebook.
L’ora x scatterà a luglio quando “tutti gli sviluppatori di giochi per il social network dovranno adottare il meccanismo dei Credits per gestire i pagamenti”, stando alle parole di  Deb Liu, platform marketing manager del social network più diffuso al mondo.

Già introdotti in “prova” nel corso del 2009, grazie ai Facebook Credits gli iscritti potranno acquistare regali, gestire applicazioni, tutto ciò che può offrire una vera e propria valuta on line modellata sulla falsariga dei Linden dollar di Second Life. IL livello di scambio sarà fissato a un dollaro americano per dieci credits, e gli acquisti potranno avvenire a mezzo Paypal o tramite le più comuni carte di credito.

Appare ovvio che per ora il target dichiarato per la diffusione dei FC sarà il gaming interno di Facebook, ma non è da escludere un utilizzo più ampio che coinvolga altri campi dell’e-commerce, magari tramite patti con altri colossi.