Sul mercato esistono delle carte di credito che a fine anno restituiscono una piccola quota delle spese effettuate nei dodici mesi; trattasi di una sorta di mini-incentivo all’utilizzo dello strumento di pagamento che di certo è più comodo e sicuro rispetto al denaro contante. Rispetto al passato, inoltre, le carte di credito si possono richiedere con l’addebito degli importi sul conto corrente della propria banca abituale, ragion per cui non c’è bisogno di aprirne un altro magari con l’Istituto di credito che emette lo strumento di pagamento che, lo ricordiamo, può essere a saldo, con addebito degli importi il mese successivo, oppure revolving con pagamenti rateali sui quali vanno a maturare degli interessi.

Anche Altroconsumo, attraverso Banca Sella, propone una carta di credito con la restituzione dei soldi spesi; la percentuale è pari allo 0,2% a fronte di una quota annuale associativa per la carta che è pari a 10 euro. Di conseguenza, con una spesa annua con la carta di 5.000 euro lo strumento di pagamento è gratis.

La carta di credito proposta da Altroconsumo è riservata ai Soci, e presenta oltre alla quota associativa dimezzata rispetto alla media degli importi richiesti normalmente, anche degli interessi sull’utilizzo in modalità revolving attualmente sotto il 10% e di sicuro non da usura o quasi come si vede per altre carte di credito in circolazione.

Inoltre, essendo una carta emessa da Banca Sella per un’Associazione dei Consumatori, sulla carta di credito ci sono delle agevolazioni nel caso in cui il cliente non fosse soddisfatto o in caso in controversie grazie ad una Commissione di conciliazione; in più, essendo una carta riservata ai Soci, Altroconsumo offre sulla stessa consulenza gratuita a cura degli esperti dell’Associazione nel caso in cui dovessero sorgere delle contestazioni sui servizi e sui prodotti acquistati dal titolare e, quindi, sugli addebiti.