Amazon costituisce uno dei siti di ecommerce che ha riscosso il più grande successo in Italia e nel mondo nel corso degli ultimi anni. Eppure anche su Amazon può succedere che qualcosa, durante l’acquisto, non vada a buon fine. Cerchiamo quindi oggi di capire cosa è necessario fare per chiedere un rimborso su Amazon, quali sono le politiche di resi applicate dal sito e come fare per ottenere la sostituzione di un prodotto.

Nel caso in cui un prodotto acquistato su Amazon non corrisponda esattamente a quanto desiderato oppure presenti dei difetti o danni, è possibile avvalersi delle politiche di reso per restituirlo all’azienda ed ottenerne quindi la sostituzione o, in alternativa, il rimborso di quanto speso. Per spedire il prodotto nel modo migliore e con le corrette indicazioni in etichetta, l’utente può fare riferimento al Centro Resi online, che permette di controllare le regole specifiche e di stampare un’etichetta di reso personalizzata. Dopo aver spedito il pacco e scelta l’opzione preferita tra sostituzione e rimborso, bisognerà semplicemente attendere una risposta da parte del sito.
Amazon prevede che la maggior parte dei rimborsi vengano effettuati utilizzando lo stesso metodo di pagamento utilizzato al momento dell’acquisto, mentre in alcuni casi specifici, il sito mette a disposizione due diverse opzioni, ovvero

Rimborso immediato sul Credito del Buono Regalo, si riceve immediatamente un rimborso sul credito del Buono Regalo da utilizzare per i prossimi acquisti

Rimborso immediato sul metodo di pagamento originario, si ottiene il rimborso immediato sul metodo di pagamento utilizzato per effettuare l’ordine

Nel caso degli oggetti che rientrano nel rimborso immediato, la merce dovrà arrivare al centro resi entro 30 giorni di calendario dalla data di avvenuta consegna degli stessi e, scaduto il termine, verrà addebitato l’importo totale del rimborso immediato già ricevuto. In tutti gli altri casi, per ottenere il rimborso bisogna attendere un periodo di tempo più lungo. Se il metodo di pagamento originario è la carta di credito, l’accredito della somma avverrà nei 3 o 5 giorni lavorativi successivi al ricevimento del reso.

In caso di articoli resi perché errati, danneggiati o difettosi, qualora non sia stato possibile procedere alla riparazione o alla sostituzione dell’articolo stesso, il cliente si vedrà rimborsare le spese di spedizione sostenute per ricevere il prodotto e per il reso, oltre ai costi dell’eventuale confezione regalo e gli altri servizi associati all’ordine. Nel caso in cui però non venga riscontrato alcun difetto, Amazon si riserva il diritto di addebitare le spese di spedizione ed il costo dell’articolo stesso.

Nel caso di tutti gli altri articoli, il cliente avrà a disposizione fino a 30 giorni di tempo dalla data di avvenuta consegna degli stessi per effettuare il reso e richiedere il rimborso. In questo caso però verrà rimborsato il prezzo dell’articolo, ma non saranno inclusi i costi della spedizione, della confezione regalo, o degli altri servizi associati all’ordine, così come anche le spese di restituzione. Qualora invece ci si avvalga del diritto di recesso entro 10 giorni lavorativi dalla consegna dell’articolo, verranno rimborsati sia il prezzo dell’articolo che le spese di spedizione.

Parlando di diritto del recesso, bisogna comunque tenere in considerazione alcune regole fondamentali

Se si restituisce un articolo che fa parte di un ordine multiplo, verranno rimborsate le spese di spedizione relative al singolo articolo restituito;

Se si restituisce un intero ordine, verranno rimborsate le spese di spedizione relative all’intero ordine;

Se una spedizione è stata effettuata al di fuori del territorio Italiano, verranno rimborsate solamente le spese di spedizione standard;

Se si chiede il rimborso per gli ordini regalo, verrà rimborsato il valore del reso tramite Buono Regalo

In tutti gli altri casi, le spese per la restituzione dell’articolo ad Amazon non verranno rimborsate

La procedura è quindi semplice.