E’ polemica sui numeri diramati da Bankitalia a proposito della disoccupazione nel nostro Paese. Secondo l’Ente, sarebbero ben 2,6 milioni gli italiani che al momento si trovano senza posto di lavoro qui da noi. Nella stima, ovviamente condizionata dalla pesante crisi economica, che ha finito in primis con il mettere in ginocchio il mercato del lavoro, rientrano naturalmente sia i disoccupati, sia coloro che sono finiti in cassa integrazione.

Il dato, decisamente allarmante, è stato accolto con “fiducia” dalla CGIL: “Un dato completo, proveniente da una fonte autorevole, dove finalmente emerge il vero stato dell’occupazione in Italia e che il Governo non potrà tacciare come inventato o inattendibile”.Le considerazioni fatte, tuttavia, sono in netto contrasto con le dichiarazioni rilasciate dal Ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, secondo cui la ricerca divulgata è “scientificamente scorretta”, in quanto i numeri sarebbero troppo condizionati dai cassintegrati, ma soprattutto da quelli che nel gergo del settore vengono definiti “scoraggiati”.