E’ accaduto in una scuola superiore di Monterotondo, vicino Roma.
Una diciottenne ha deciso di togliersi la vita impiccandosi nel bagno del proprio istituto scolastico.
La macabra scoperta è stata effettuata dal bidello del complesso, che ha subito avvertito i soccorsi. Il tutto invano però. La ragazza è deceduta durante il trasporto in ospedale, nonostante le cure ricevute dai paramedici.

Colpita da malore subito dopo l’insegnante della giovane ed una sua compagna di classe. Entrambe avevano avuto modo di assistere al triste spettacolo.
E’ l’ennesima tragedia senza volto, è l’ennesima famiglia distrutta. Non si immagina quale oscuro male possa ghermire dei ragazzini rapendoli dalla loro spensieratezza, precipitandoli in un abisso di morte e autodistruzione.
Le parole a volte servono davvero a poco.

Ulteriori informazioni su ansa.it