L’on. Giulia  Bongiorno, del gruppo Futuro e Libertà, ha dato alla luce un bel maschietto il 22 gennaio, intorno alle 8 del mattino, con taglio cesareo.

Dall’ospedale Gemelli di Roma, dove è avvenuto il parto, fanno sapere che mamma e bambino stanno bene e sono felicissimi.

Il bimbo dell’Onorevole Giulia Bongiorno era salito agli onori della cronaca prima di nascere, perché la sua mamma aveva corso il rischio di farlo venire al mondo con un mese di anticipo recandosi, sotto assistenza medica, in ambulanza e sedia a rotelle, a votare la sfiducia a Berlusconi il 14 dicembre scorso.

[sniplet ADSENSE]

La Bongiorno in quel periodo era ricoverata allo stesso ospedale Gemelli a causa di problemi con la gravidanza, ma la necessità di recuperare ogni voto valido nella battaglia per sfiduciare Berlusconi aveva fatto in modo che il Gruppo di Futuro e Libertà si attivasse per fare in modo che la parlamentare finiana si recasse comunque in parlamento.

Quel giorno la camera dei deputati rischiò di trasformarsi in una nursery. Oltre all’onorevole Bongiorno, si recarono a votare altre due onorevoli che erano al termine della gravidanza e rischiavano di partorire sotto l’emozione di quei momenti concitati.

Il premier ottenne la fiducia per soli due voti, rendendo vano il sacrificio delle tre parlamentari in attesa di diventare mamme.